Tutte le notizie qui
Backaout
Backaout

Pallanuoto: Brescia campione d’Italia, Recco ko 11-10 – Lombardia

44

- Advertisement -


Interrotta egemonia liguri, durava da 14 campionati consecutivi

(ANSA) – ROMA, 26 MAG – Il quarto appuntamento vale lo
scudetto 2021. L’AN Brescia batte 11-10 la Pro Recco e
interrompe l’egemonia dei liguri che durava da 14 campionati
consecutivi. La squadra di Alessandro Bovo gioca bene, soffre
nel finale e conquista con merito il secondo scudetto della sua
storia. Chiude la serie 3-1.
   
Recco parte subito col piede sull’acceleratore. Brescia è un
fortino. Dopo due minuti e mezzo e dopo una doppia superiorità
fallita Luongo trova il varco giusto per il vantaggio. Brescia
la ribalta in fretta con Nikolaidis in più e Renzuto che spinge
in rete la palla dopo il rigore fallito e Recco torna ad
inseguire come in gara 3. Pareggia Di Fulvio ma sale la tensione
tra i ragazzi di Hernandez; non è finito il primo tempo e
Figlioli e Di Fulvio hanno già due falli gravi. I biancoazzurri
di Bovo ne approfittano e fanno 4-2 con la doppietta di Dolce.
   
Inizia il secondo tempo e Lazic si procura subito il rigore che
Cannella trasforma nel +3. Echenique e Nick Presciutti
ricuciono lo strappo. Ivovic va nel pozzetto per il secondo
fallo personale e Brescia torna a +3 sfruttando le superiorità
numeriche . Anche Renzuto e Gitto hanno due falli da gestire.
   
Del Lungo garantisce le chiusure. Recco a fatica torna a -1;
prima Figlioli dal perimetro, poi Aicardi in torsione. 7-6
all’intervallo di cinque minuti. Nel terzo tempo si affida
all’estro di Mandic (doppietta) ma Brescia è quasi perfetto e
con Dolce (altri due gol e fanno 4), Cannella e il capitano
Christian Presciutti torna a +3. Ultimo tempo frenetico. Younger
marca il -2, Del Lungo risponde da campione a Mandic, Bovo
catechizza i suoi a 4’50” dalla fine. I campioni d’Italia
tornano a -1 con Figlioli, poi Di Fulvio spreca un’ottima
occasione. Brescia soffre e si rifugia nelle mani di Del Lungo.
   
Dalla panchina del Recco Hernandez chiama time out quando
mancano 90 secondi. Cennella stoppa l’azione e Brescia respira.
   
Ultimi 30 secondi: va in attacco anche Bijac. Il tiro di
Echenique termina sul fondo. Brescia è campione d’Italia.
   
“Adesso festeggiamo per tre giorni”, dice lo storico capitano
dei lombardi Christian Presciutti. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA