Tutte le notizie qui
Backaout
Backaout

Altri cinque anni con il Covid: ecco i tre possibili scenari da qui al 2027

3

- Advertisement -



Di fronte a noi ci sono ancora anni di «sfide e difficoltà» per sconfiggere il Covid. Con le vaccinazioni e il tasso di immunizzati in tutto il mondo – al momento circa il 60% – che può fare davvero la differenza negli scenari futuri. Lo dicono gli esperti dell‘International science council – l’organizzazione che riunisce oltre 200 associazioni scientifiche nazionali e internazionali – in un documento appena pubblicato che delinea tre possibili scenari pandemici da qui al 2027, condizionati da varie incognite come appunto la vaccinazione nei Paesi più poveri, ma anche i conflitti internazionali e la poca collaborazione internazionale.

Lo scenario ottimistico con l’80% del mondo vaccinato

Sebbene il peggio della pandemia sembri ormai alle spalle, i governi «non devono fingere che la crisi sia finita solo perché la mortalità si è ridotta: per molti cittadini ci saranno ancora molti anni di difficoltà e sfide», avverte il documento dell’International science council. Il primo scenario delineato che è anche il più ottimistico ipotizza che nei prossimi anni la percentuale di persone completamente vaccinate contro Covid-19 aumenti a livello globale da circa l’attuale 60% a oltre l’80%. In pratica agli attuali 4,7 miliardi di persone vaccinate con almeno due dosi bisognerebbe aggiungerne altri 2 miliardi: in questo caso potrebbero essere salvate molte vite e potrebbe essere ridotto il rischio di nuove varianti. Il coronavirus non scomparirebbe, ma diventerebbe più gestibile, con notevoli benefici per la salute mentale dei cittadini, l’economia e lo sviluppo sostenibile.

Lo scenario probabile con i vaccinati sotto la soglia del 70%

Il secondo scenario, che gli esperti considerano più probabile, ipotizza invece che la miopia di molti governi (poco inclini ad aiutare i Paesi in difficoltà) mantenga il tasso di vaccinazione a livello globale sotto il 70%: in questo caso il Covid diventa endemico, con picchi stagionali che travolgerebbero gli ospedali in vari Paesi e richiederebbero «vaccini aggiornati e l’uso di farmaci antivirali». Entro il 2027 si avrebbe così una «esacerbazione delle disuguaglianze globali» e gli stessi obiettivi di sviluppo sostenibile prefissati dalle Nazioni Unite slitterebbero di un decennio. Ma perché è lo scenario più probabile? Perché ad oggi siamo al 60% di vaccinati con due dosi in tutto il mondo con vistose differenze: se l’Europa ha raggiunto il 73% di abitanti totalmente immunizzati (con l’Italia quasi all’85%); gli Usa sono al 66%, l’Africa è invece ancora lontanissima dal target dell’Oms del 70% di vaccinati entro luglio visto che è ancora sotto il 20% e il ritmo di immunizzazione è ancora troppo lento.

Il terzo scenario pessimistico: se i vaccini non crescono più

Il terzo e ultimo scenario, quello più pessimista, ipotizza una crescita di nazionalismi e populismi (che ridurrebbe l’adozione dei vaccini) e delle tensioni geopolitiche (un rischio per la cooperazione internazionale necessaria ad affrontare le grandi sfide globali). In questo caso, solo il 60% della popolazione mondiale sarebbe vaccinata contro Covid-19 e i Paesi a basso reddito avrebbero accesso limitato a vaccini e antivirali. Il virus potrebbe rimanere in gran parte incontrollato causando gravi recidive in varie parti del mondo. Lo studio ricorda anche l’impatto della pandemia: solo nel 2020 più dell’8% di ore lavorative sono state perse che equivalgono a 225 milioni di lavori a tempo pieno. Con un pesante impatto anche sulla salute mentale delle persone: uno studio su 204 Paesi ha mostrato come il Covid ha aggiunto 53,2 milioni di casi di depressione e 76,2 milioni di sindromi ansiose. «Non dobbiamo avere una visione ristretta della pandemia o minimizzare gli impatti della pandemia oltre quelli sanitari altrimenti le ineguaglianze cresceranno e le conseguenze saranno avvertite in ogni società e in ogni Paese», sottolinea Peter Gluckman, presidente dell’International science council.



www.ilsole24ore.com 2022-05-18 10:02:28