Tutte le notizie qui
Backaout
Backaout

Oltre 200 farmaci contro il diabete dall’ospedale alla farmacia sotto casa

160

- Advertisement -



Si comincia dai farmaci per i pazienti diabetici, con oltre 200 prodotti che arriveranno nelle farmacie del territorio. Si tratta di medicinali essenziali, finora reperibili solo nelle farmacie degli ospedali, che invece saranno ora disponibili nella farmacia sotto casa. Una novità importante che si allargherà ogni anno a nuove categorie di farmaci semplificando le cure a milioni di malati, soprattutto per i 22 milioni di malati cronici di cui 8 milioni più gravi rendendo più veloce l’accesso ai medicinali.

In vigore la decisione dell’Aifa che riguarda oltre 200 farmaci

Parte con la pubblicazione nella gazzetta ufficiale del 10 maggio della determina dell’Agenzia italiana del farmaco che prevede l’aggiornamento del prontuario della continuità assistenziale ospedale-territorio, la prima tranche della riforma della distribuzione dei farmaci. In particolare, la determina riguarda gli antidiabete orali per oltre 200 prodotti. La manovra 2024 prevedeva proprio l’aggiornamento del Prontuario della continuità assistenziale ospedale-territorio (Pht) per il transito dal regime di classificazione «A-Pht» ospedaliero, alla fascia «A» di medicinali afferenti a specifiche classi reperibili sul territorio (in farmacia). Il percorso però comprenderà molti altri farmaci e si stima che questa operazione di semplificazione di accesso alle cure riguarderà milioni di persone. L’Aifa ha dunque aggiornato il prontuario individuando la lista di farmaci che possono per ora passare nelle farmacie. Una procedura di aggiornamento che si ripeterà poi con cadenza annuale.

Ogni anno si aggiungeranno altri medicinali oggi in ospedale

Con le nuove regole, nel caso di farmaci trasferiti dalla cosiddetta «Distribuzione Diretta», i cittadini non dovranno infatti più recarsi presso la farmacia ospedaliera per ritirare i medicinali, ma potranno farlo nella farmacia di comunità più vicina, con il controllo del proprio medico di famiglia. Ancora, nel caso dei farmaci trasferiti dalla «Distribuzione Per Conto» alla «Distribuzione Convenzionata», non dovranno più attendere che il medicinale acquistato dalla Asl venga ordinato e arrivi nella farmacia, ma potranno riceverlo immediatamente poiché già presente nella farmacia di comunità di riferimento. «Questa prima operazione cuba circa 130 milioni di euro, che si spostano dalla diretta alla convenzionata. Controlleremo la tenuta economica di questo meccanismo e se andrà bene come prevediamo, l’anno prossimo sarà la volta di altri medicinali», ha confermato il sottosegretario alla Salute Marcello Gemmato.

Sarà valutato l’impatto economico della nuova misura

«La determina Aifa che prevede l’aggiornamento del prontuario della continuità assistenziale con il transito del regime di classificazione da A-pht ad A, ovvero dall’ospedale alle farmacie, per vari medicinali antidiabetici, è accolta con grande soddisfazione», afferma Angelo Avogaro. «In pratica con la nuova norma – sottolinea – il cittadino non sarà più costretto ad andare in ospedale per ritirare i farmaci, e di conseguenza ciò permetterà un minore ingolfamento delle farmacie ospedaliere. Al contrario, il paziente potrà reperire i farmaci antidiabete di cui ha bisogno direttamente nella farmacia sotto casa, e questo è molto importante». Tuttavia, ha però precisato Avogaro, «non siamo ancora sicuri in merito a quanto ammonterà il beneficio economico o l’aggravio economico di tale decisione, se ci saranno, in un’ottica di sostenibilità del sistema. Saremo dunque molto attenti a capire quale sarà l’impatto economico-finanziario della nuova norma».



www.ilsole24ore.com 2024-05-14 07:32:42

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More